Petrolio, domanda e offerta pesano più delle tensioni geopolitiche

petrolio dollaro

A cura di Dws

Piuttosto che la geopolitica, sembra che siano le dinamiche della domanda e dell’offerta a spiegare cosa sta accadendo negli ultimi tempi sui mercati petroliferi. Non date troppa importanza ai recenti aumenti del prezzo del petrolio.
Le tensioni geopolitiche stanno di nuovo salendo. Allo stesso tempo, i prezzi del petrolio stanno aumentando. Una coincidenza? Il mercato petrolifero sta scontando un’ulteriore escalation delle tensioni in Medio Oriente?
Un modo per analizzare l’andamento del prezzo del petrolio è guardare alle dinamiche della domanda e dell’offerta. Nel nostro “grafico della settimana”, tracciamo la domanda mondiale di petrolio fisico meno l’offerta, come pubblicato dal Dipartimento dell’Energia USA, accanto al prezzo del petrolio. Nel 2014, l’offerta ha iniziato a superare in modo massivo la domanda. Il prezzo del petrolio ha reagito di conseguenza, scendendo da sopra i 100 dollari al barile a meno di 30 dollari all’inizio del 2016. Negli ultimi 12 mesi, tuttavia, la domanda fisica ha nuovamente superato l’offerta, le scorte stanno diminuendo e i prezzi del petrolio stanno salendo.
Quindi, anche in assenza di un aumento della tensione geopolitica, qui il prezzo del petrolio sembra essere ben sostenuto. Si noti, tuttavia, che i dati di posizionamento indicano che il mercato è già disposto per l’aumento dei prezzi. Inoltre, la produzione negli Stati Uniti si sta espandendo nuovamente. Questi fattori rendono improbabile che il prezzo del petrolio vada alle stelle.

image001