Petrolio, Janus Henderson: mercati più sani fino al 2021

goldman sachs i giudizi buy sui titoli delle aziende attive nel settore del petrolio

“Alla luce delle recenti decisioni dell’Opec e dei tagli all’offerta da parte dei Paesi non Opec, è ragionevole attendersi mercati petroliferi più sani nel corso dell’anno e fino al 2021. I titoli azionari guardano al futuro e hanno effettivamente tenuto conto dell’attuale debolezza del prezzo del petrolio. Stimiamo che le grandi compagnie petrolifere integrate come Bp, Shell stiano quotando il prezzo del petrolio a circa 45 dollari al barile e notiamo che il prezzo del greggio di lungo termine è di 55 dollari al barile. I tagli all’offerta dell’oro nero sono più duri e più strutturali che ciclici in questo periodo di recessione, fattore che priva la produzione petrolifera del potenziale di ripresa nel 2021 e oltre. Questi tagli avranno un effetto duraturo che si protrarrà oltre la crisi legata al Covid-19″. Questa l’analisi di Tal Lomnitzer, Senior Investment Manager del Global Natural Resources Team di Janus Henderson Investors.

Che prosegue: “Nel frattempo il panorama si sta rapidamente evolvendo e ci aspetteremmo di sentire una retorica positiva dell’Opec sull’impegno per i tagli e il sostegno ai mercati, ma è difficile assistere a una qualche scelta sostanziale. Data l’entità dello shock della domanda, l’Opec+ ha fatto praticamente tutto il possibile, almeno fino a quando la domanda non inizierà a riprendersi. Tornando all’azionario, il rischio è in aumento e il secondo trimestre comincia a sembrare così brutto che potremmo assistere a tagli dei dividendi da parte di alcune grandi compagnie petrolifere prima di quanto il mercato si sarebbe potuto aspettare”.

La strategia JHI Global Resources è stata “sottopesata rispetto ai produttori di petrolio, con una preferenza per quelle aziende che beneficiano della transizione al carbonio in corso, come gli sviluppatori di energie rinnovabili e i fornitori di attrezzature, o i produttori di gas. Le scorte petrolifere devono ancora affrontare problemi di transizione che per ora sono andati fuori dal radar, ma che probabilmente torneranno una volta superata la crisi Covid-19. È abbastanza probabile che i bassi prezzi del greggio accelerino le tendenze esistenti, dato che i governi stanno facendo leva su questa situazione per sbloccare i sussidi ai combustibili fossili e usare gli stimoli per incentivare i programmi di sviluppo di energia pulita. La strategia è anche investita nelle compagnie di stoccaggio e di spedizione, così come nelle raffinerie. Non abbiamo alcuna esposizione alle società di servizi petroliferi dove il peso della minore spesa da parte delle compagnie petrolifere si farà sentire. I fondi sono altamente liquidi. Il rapporto rischio/rendimento viene continuamente rivalutato, dal momento che le mosse che a volte richiedono mesi o anni per essere messe in atto sono state assunte in giorni o settimane”.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*