Portafoglio Italia

Hai domande o commenti? Scrivi a info@finanzaoperativa.com

Rimane complicata la situazione del listino italiano, con le vendite degli operatori che denotano ampio scetticismo sul nuovo governo. Il Ftse Mib scivola così rimane sotto l’area dei 22.000 punti e da inizio anno segna ora un +0,28 per cento. Performance sparse per i nuovi Portafogli Italia 2018, costruiti con le metodologie di Michael O’Higgins. Nel dettaglio il paniere dei “10 dogs” segna un +3,2%, il Portafoglio PPP (costituito da un solo titolo, che quest’anno è Intesa SanPaolo) è quasi sulla parità con un -0,07 per cento, mentre quello dei “5 dogs” è in rosso dell’1,59 per cento.

Poste Italiane è il miglior titolo del portafoglio, con una performance del +24,56%, seguito da Eni (+20,41%) e Unipolsai (+7,7%). Tra i peggiori, Snam (-6,56%) e Unipol (-8,52%). I 10 titoli del Portafoglio Italia 2018 – in ordine crescente di prezzo – sono: Unipolsai, Intesa Sanpaolo, Unipol, Snam, Terna, Poste Italiane, Eni, Generali, Azimut e Atlantia. Dopo un 2017 in cui il Portafoglio era decisamente sbilanciato sul comparto finanziario (banche, assicurazioni e asset management), quest’anno la componente utility è tornata a pesare sul paniere con tre titoli.

Share this post: