Portafoglio RP Italy +7,1% la performance del primo trimestre

La metodologia “risk parity” ha caratterizzato da sempre l’approccio di Finanza Operativa alla costruzione di portafogli a basso rischio e bassa “movimentazione”. Tutti i panieri (categoria “Portafogli” nel secondo menu in home page) hanno infatti ribilanciamenti solo mensili proprio in ottica di riduzione dei costi.

Per la prima volta inseriamo un portafoglio in titoli anzichè in Etf. Abbiamo scelto pertanto 10 azioni italiane “campioni dei rispettivi settori (bancari, assicurativi, industriali, utility, ecc.), in modo da avere un paniere diversificato seppure concentrato sull’Italia.Nel dettaglio: Intesa Sanpaolo, Unicredit, Generali, Leonardo, Fca, Eni, Tenaris, Enel, Atlantia, Campari.

Il backtest è partito da febbraio 2007 (base: 100.000 euro), in pratica sui massimi degli ultimi 15 anni, in modo da avere un riscontro abbastanza sicuro della validità o meno del portafoglio.

L’immagine qui sopra mostra l’andamento del Ftse Mib (linea rossa), quello del portafoglio (linea blu) e quello del portafoglio comprensivo dei dividendi (linea azzurra). Dopo 12 anni il Ftse Mib, nonostante il rialzo dei primi tre mesi quest’anno, vale poco più della metà del capitale di partenza (51.670 euro), mentre il portafoglio RP Italia è a quota 116.367 euro e il prtafoglio RP Italia comprensivo dei dividendi ha raggiunto ormai quota 141.674 euro.

Il portafoglio è costantemente investito, ma ogni mese cambiano i pesi relativi dei 10 titoli. La metodologia prevede poi che nei momenti di alta volatilità, poi, tutte le posizioni vengono chiuse e l’intero ammontare del portafoglio viene riversato su un Etf obbligazionario di corto termine, il Lyxor EM35. Lo storico del portafoglio con i pesi aggiornati a fine marzo è qui.

Dopo un 2018 difficile (ma chiuso comunque con perdite molto inferiori rispetto all’indice), il primo trimestre del 2019 ha riportato un risultato positivo per il +7,1 per cento. Qui sotto il differenziale di rendimento tra l’indice e il portafoglio (con e senza dividendi).

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*