Quei “pazzi” tassi di interesse negativi

A cura di Brian S. Wesbury, Chief Economist, First Trust

Più di cinque anni fa la Banca centrale europea ha adottato tassi di interesse negativi come strumento politico per affrontare la debolezza economica nella zona euro. A partire dal -0,1%, alla fine il tasso target a breve termine è sceso a -0,4%.

In Europa, come in ogni Paese o regione che ha provato il Quantitative Easing, le banche non hanno aumentato i prestiti dell’importo suggerito dal QE. Di conseguenza, le banche centrali (come la BCE) hanno tentato di costringere le banche a concedere prestiti “accusando” le banche (con tassi negativi) di detenere queste riserve in eccesso. I tassi di interesse negativi sono “artificiali”, non qualcosa che è accaduto organicamente. Ancora più importante, dimostrano che il QE non ha funzionato. Se il QE funzionasse, i tassi di interesse negativi non sarebbero necessari.

 

I politici sono in preda al panico perché alcune economie dell’Eurozona stanno esplodendo

La produzione industriale tedesca è scesa del 5,2% a giugno rispetto a un anno fa, il calo maggiore dal 2009. Nel frattempo, molti si aspettano che il PIL reale tedesco si sia contratto nel secondo trimestre. L’economia italiana non è cresciuta nell’ultimo anno e l’economia francese è cresciuta solo dell’1,3% rispetto a un anno fa. Alcune economie in Europa stanno andando bene, in particolare la Polonia e l’Ungheria, ma queste non sono abbastanza grandi da sole per alimentare l’intera zona euro.

 

L’Europa deve riconoscere che né i tassi di interesse negativi né l’allentamento quantitativo hanno salvato le loro economie

Utilizzando tassi negativi, la BCE ha cercato di punire le banche con i prestiti e non ha funzionato. Peggio ancora, le aliquote negative sono, in effetti, un’imposta sul sistema finanziario. Di conseguenza, minano la redditività delle banche e indeboliscono il sistema finanziario.

Invece di guardare ai decisori politici monetari per salvare le loro economie, avevano sempre bisogno di puntare le dita sui veri colpevoli, le cattive politiche fiscali e normative. La Germania, ad esempio, sta ancora registrando avanzi di bilancio anche se gli investitori che acquistano il loro debito sono disposti ad accettare tassi negativi. Questo è assurdo.

Questo non vuol dire che il governo tedesco dovrebbe spendere di più, la spesa è già troppo alta. Ma la Germania ha spazio per profondi tagli fiscali orientati a incentivare gli investimenti e la crescita economica. L’aumento dell’incentivo alla produzione genererebbe, a sua volta, la crescita dei prestiti che i tassi di interesse negativi dovrebbero incoraggiare.

Oltre alle riduzioni fiscali, raccomandiamo di ridurre i trasferimenti statali ai non lavoratori (sì, ciò include la limitazione della generosità delle future prestazioni pensionistiche del governo) e le normative che hanno represso l’imprenditorialità.

Speriamo che gli Stati Uniti imparino le giuste lezioni dal folle approccio del tasso negativo in Europa, che è un’ammissione di fallimento da parte di funzionari governativi. Negli anni ’80, gli Stati Uniti hanno visto una crescita del PIL reale del 4% – non a causa di tassi di interesse bassi (o negativi) – ma a causa di migliori politiche fiscali. In realtà, Paul Volcker ha tenuto alti i tassi di interesse, mentre il presidente Reagan ha spinto le aliquote fiscali, le riduzioni normative e la moderazione della spesa. Tali politiche hanno rafforzato il dollaro e l’economia. Questo è ciò che funziona.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*