Raccomandazioni di Borsa: i Buy di oggi da Abitare In a Snam

BUY

Banca Imi assegna un buy a:

Abitare In con prezzo obiettivo di 54,90 euro (venduti il 90% degli appartamento di Palazzo Navigli per 28,1 mln di euro), Fca con target price di 9,40 euro (possibile apertura di una indagine Antitrust sul segmento dei veicoli commerciali leggeri in vista della posizione di mercato di Fca-Psa), Leonardo con fair value di 9 euro (l’ad è intervenuto di fronte alla commissione Difesa del Senato ricordando che “i programmi comunitari non sostituiscono quelli nazionali”), Sanlorenzo con target di 18 euro, ridotto però dai precedenti 22 euro (Perini Navi potrebbe rappresentare una opportunità di espansione secondo gli analisti), Snam con obiettivo di 5,10 euro (nuovo Transition Bond) e Telecom Italia con target di 0,62 euro (il gruppo potrebbe discutere dell’offerta KKR al prossimo cda).

Giudizio add inoltre per Azimut con obiettivo di 16 euro in scia alla raccolta a maggio, Banco Bpm con target di 1,64 euro, ridotto però dai precedenti 2,10 euro (atteso, da parte degli analisti dell’istituto, un impatto per le conseguenze del Covid nei prossimi mesi) e Italgas con fair value di 5,80 euro (business update).

Banca Akros giudica buy:

Enel con fair value di 8,50 euro, alzato dai precedenti 8 euro.

Giudizio accumulate inoltre per Fca con target di 10 euro.

Fidentiis valuta buy:

Abitare In con prezzo obiettivo di 56-62 euro (venduti il 90% degli appartamento di Palazzo Navigli per 28,1 mln di euro), Buzzi Unicem con target price di 24-25 euro in scia all’incremento delle vendite di cemento in Brasile (+9,7% a maggio su base annua), Italgas con obiettivo di 6,10-6,30 euro in scia alla guidance per l’esercizio in corso e Telecom Italia con fair value di 0,95-1,00 euro .

Equita giudica buy:

Antares Vision con prezzo obiettivo di 11,40 euro e Ima con target price di 56 euro in scia all’accordo di partnership tra le due società, Ascopiave con fair value di 4,40 euro (introdotto una modifica allo statuto, introducendo il limite al diritto di voto al 5% per  le utilities azioniste), Enel con obiettivo di 8,10 euro (sebbene il Governo messicano ha introdotto misure restrittive alla produzione e allo sviluppo da fonti rinnovabili, allo scopo di favorire le aziende locali che basano la produzione su combustibili fossili), Eni con target di 11 euro (l’ad Descalzi si attendeva un recupero della domanda solo da fine giugno ma i dati sono già ora confortanti), Garofalo Health Care Leonardo e Cir con target rispettivi di 5,55 euro e 0,63 euro (il Governo avrebbe deciso di allocare nuove risorse finanziarie per supportare la rete ospedaliera e consentire un’accelerazione dell’attività chirurgica nei prossimi mesi), Intesa SanPaolo con obiettivo di 2,20 euro (l’autorità Antitrust precisa alcuni aspetti dell’istruttoria Ubi Banca) e Leonardo con fair value di 9,50 euro (firmato un accordo quadro della durata di 20 anni con l’agenzia danese).

Mediobanca valuta outperform:

Buzzi Unicem con target price di 19,80 euro, Maire Tecnimont con prezzo obiettivo di 2,70 euro (nuovo contratto upstream in Algeria), SeSa con fair value di 60 euro (acquisita una quota del 36% di Service Technology tramite la controllata Computer Gross), Snam con target di 4,80 euro (pubblicato il suo nuovo framework per il Transition Bond che include le linee guida per l’emissione di future obbligazioni finalizzate finanziamento di investimenti sostenibili) e Telecom Italia con obiettivo di 0,68 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*