Raccomandazioni di Borsa: i buy di oggi da Buzzi a Telecom

BUY

Banca Akros

CNH Industrial con target price di 11 euro in scia alla diffusione delle vendite di veicoli commerciali in Europa a febbraio, El.En con prezzo obiettivo di 22 euro nonostante la probabile recessione nel secondo trimestre, Fila con fair value di 17,30 euro (oggi i risultati 2019), Iren con target di 3,10 euro (oggi i risultati 2019), Mondadori con obiettivo di 1,70 euro (l’Italian Trade Books’ Association stima per quest’anno il 25% in meno di titoli di libri), Net Insurance con obiettivo di 6 euro (per ora impatto limitato del Covid19) e Telecom Italia con target di 0,77 euro (il fondo d’investimento americano Elliott ha ridotto la sua partecipazione al 6,97% dal 9,72%, secondo quanto risulta dalle comunicazioni Consob sulle partecipazioni rilevanti).

Fidentiis assegna un buy a:

Abitare In con fair value di 56/62 euro nonostante lo stop temporaneo a causa delle restrizioni legati al Coronavirus, Buzzi Unicem con prezzo obiettivo di 24/25 euro (oggi i risultati del 2019), Cerved con obiettivo di 9/10 euro dopo la diffusione dei risultati del precedente esercizio, Cnh Industrial con target price di 12/13 euro, Hera con fair value di 3,20/3,40 euro (oggi i risultati del 2019).

Mediobanca assegna un outperform a:

Buzzi Unicem con prezzo obiettivo di 24/25 euroCairo Communication con target price di 3,85 euro in scia all’incremento del pubblico Tv e dell’audiace digitale, Cnh Industrial con target di 11,10 euro, Enav con fair value di 6 euro (i sindacati chiedono la sospensione della distribuzione del dividendo), Enel con obiettivo di 8,60 euro (Cnmc avrebbe approvato la chiusura della centrale a carbone Teruel di Endesa), Piaggio con target di 3 euro (produzione sospesa in India a causa del Covid19) e Telecom Italia con obiettivo di 0,79 euro.

Banca Imi valuta buy:

Cellularline con prezzo obiettivo di 9,30 euro (vista l’incertezza sull’estensione temporale e la diffusione geografica dell’emergenza sanitaria, la direzione della società ha dichiarato che è ancora difficile e prematuro da valutare potenziali effetti a breve termine sui finanziari del gruppo), Eni con target price di 12 euro (il gruppo ha rivisto lo scenario dei prezzi del petrolio nel suo business plan a 40-45 dollari per barile nel 2020 e 50-55 nel 2021 e ha deciso di ritirare il buy-back) e Prima Industrie con obiettivo di 17,50 euro sebbene la diffusione del coronavirus stia proiettando ombre sullo scenario del 2020.

Iscriviti sui nostri canali podcast per restare aggiornato sulle ultime puntate

Https://www.finanzaoperativa.com/wp-content/themes/finanzaoperativa/img/icons/podcast_apple_icon.png Podcast by Finanza Operativa Https://www.finanzaoperativa.com/wp-content/themes/finanzaoperativa/img/icons/podcast_google_icon.png Podcast by Finanza Operativa Https://www.finanzaoperativa.com/wp-content/themes/finanzaoperativa/img/icons/podcast_spotify_icon.png Podcast by Finanza Operativa Https://www.finanzaoperativa.com/wp-content/themes/finanzaoperativa/img/icons/podcast_spreaker_icon.png Podcast by Finanza Operativa

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*