Rosso (Tps Group): "L'essere una Pmi Innovativa ci aiuterà a crescere"

“Il recente ottenimento della qualifica di Pmi innovativa rappresenta un ulteriore passaggio che dimostra il nostro impegno verso una continua innovazione tecnologica, condizione essenziale per aumentare la competitività e per migliorare il livello dei servizi tecnici offerti ai nostri clienti, favorisce una maggiore attenzione da parte degli investitori e, di riflesso, un incremento degli scambi del titolo”. A dirlo è Alessandro Rosso, amministratore delegato di Tps Group, leader in Italia nel settore dei servizi tecnici in campo aeronautico con specifico focus sul segmento elicotteristico e quotata sul mercato Aim di Borsa Italiana dallo scorso 28 marzo, dove segna al momento rispetto al prezzo di collocamento in Ipo un rialzo del 57% circa.

La qualifica di Pmi innovativa, grazie alle novità introdotte dalla Legge di Stabilità 2017, permette importanti agevolazioni fiscali per gli investitori che, in quanto cumulabili con il beneficio dei Pir (Piani Individuali di Risparmio), rendono più attraente l’investimento sulle Pmi innovative quotate su Aim Italia. Nel dettaglio, per le persone fisiche è prevista la detrazione ai fini Iperf del 30% della somma investita, mentre per le persone giuridiche è prevista una deduzione ai fini Ires del 30% dell’investimento.

Oltre ai potenziali vantaggi fiscali, Rosso sottolinea poi come “Investire in Tps significa investire in un’azienda unica nel suo genere: offriamo in campo aeronautico un set di servizi molto ampio che va dall’ingegneria alla progettazione di una pluralità di componenti e stiamo entrando nel settore dell’avionica con un’acquisizione che completeremo presto. Diversamente da nostri molti competitors non mettiamo semplicemente a disposizione il nostro know how ma cerchiamo di offrire i nostri servizi attraverso sistemi, piattaforme informatiche e formazione dei dipendenti (sviluppate a partire dalla nostra fondazione, ovvero dal ’64) che ci consentono di rispondere in maniera ottimale alle esigenze della clientela”.

Leonardo è il maggior committente del gruppo Tps da quale ricava oltre la metà del fatturato: “Il comparto aeronautico è molto concentrato e noi vantiamo uno tra i più importanti e qualitativamente elevati costruttori di velivoli a livello mondiale. Offriamo però un’ampia serie di servizi anche agli utilizzatori professionali di questi velivoli, come, per fare un esempio, l’installazione di strumenti medicali che comportano la progettazione e la costruzione da parte di società certificate Iata“.

“Al momento siamo molto concentrati sul mercato domestico – afferma poi Rosso – ma puntiamo a crescere sia per linee interne che esterne, anche allargando l’offerta dei nostri servizi e dei nostri prodotti ad altri comparti quali il settore navale e l’automotive”.

Per quanto infine riguarda la politica dei dividendi, Rosso sostiene che per il momento il gruppo preferisce reinvestire nello sviluppo del business gli utili “in futuro però non escludiamo di poter distribuire delle cedole”.

Fondata nel ’64, la holding operativa del gruppo Tps (acronimo di Technical Publications Service), è stata una delle prime realtà italiane a offrire un servizio esterno di analisi e redazione delle pubblicazioni tecniche destinate all’industria aeronautica, per la realizzazione di documentazione tecnica e manualistica di bordo. Il gruppo Tps conta tra i propri clienti aziende leader nel settore della progettazione e produzione di velivoli e componentistica in ambito aeronautico.   Gianluigi Raimondi