S&P500 al test dei massimi di ottobre

S&P500 di nuovo sui top di ottobre in area 2.740 punti. L’indice delle big cap Usa è così risalito in meno di quattro mesi dai minimi di 2.351 punti del 24 dicembre scorso, mettendo a segno un gain di quasi 600 punti. Oscillatori stra carichi e stocastico in ipercomprato ormai da un mese accompagnano questo ultimo recente strappo.

A 2.960 e 2.980 punti ci sono i primi target di breve prima che l’S&P tocchi l’agognata soglia dei 3.000 punti, con le medie mobile che ora si fermano a quota 2.881 punti (quella a 21 sedute) e a 2.769 punti (quella a 200 sedute).

In area 2.916/3 punti è il primo supporto statico disegnato dai precedenti massimi di metà aprile, mentre in area 2.900 passa il sostegno dinamico che regge l’ascesa del 2019. Con la sua violazione, primi obiettivi al ribasso a 2.880 e poi la chiusura del gap up lasciato il 1° aprile a 2.848 punti.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*