Svizzera, migliorate le stime su il Pil e disoccupazione

gnomi svizzera

Il crollo dell’economia svizzera post lockdown, secondo le stime degli economisti e in base a quanto riportato dal sito web della Rsi, è significativamente inferiore alle previsioni di pochi mesi fa. Di conseguenza, è probabile che anche il tasso di disoccupazione aumenti meno bruscamente del previsto.

“Con l’allentamento delle misure restrittive, l’economia svizzera ha iniziato a recuperare rapidamente alla fine di aprile”, ha annunciato la Segreteria di Stato dell’economia (SECO). La domanda dei consumatori, come anche gli investimenti, nel secondo trimestre hanno superato le aspettative, e nel mese di giugno la modalità del lavoro ridotto è stata utilizzata molto meno del previsto.

In particolare, il gruppo di esperti federali prevede che il prodotto interno lordo (PIL) reale diminuirà nel 2020 “solo” del 3,8% rispetto all’anno precedente. Nell’ultima previsione ufficiale di giugno, gli economisti federali ipotizzavano ancora un meno 6,2%. Circa un mese fa, tuttavia, la SECO aveva già alzato leggermente la previsione previsione a “circa -5%”. Poco dopo il blocco di metà marzo, si prevedeva un crollo molto più netto. Alla fine di aprile, ad esempio era stato ipotizzato addirittura un calo del 6,7%.

Anche le prospettive per il mercato del lavoro sono migliorate notevolmente negli ultimi mesi. La disoccupazione dovrebbe essere mediamente del 3,2% nel 2020, dopo che era stata prevista una cifra del 3,8% a giugno. Tuttavia, la SECO aveva già indicato un adeguamento della previsione un mese fa e ha dichiarato un valore inferiore al 3,5%.

Da inizio anno l’indice della Borsa svizzera Smi segna un rialzo del 6,76%.

Il trend dell’indice Smi nel medio termine

 

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*