Ubp lancia il fondo Ubam Global Emerging Equity

emerging markets

Union Bancaire Privée rafforza le proprie competenze sull’azionario emergente grazie al lancio del nuovo fondo UBAM Global Emerging Equity, che offre agli investitori un’esposizione davvero globale sui listini dei Mercati Emergenti. Il fondo, gestito da un team di tre professionisti con a capo Mathieu Nègre, Head of Global Emerging Equities di UBP con più di 15 anni di esperienza sull’asset class, utilizzerà un modello proprietario di allocazione geografica, volto a valutare le aree di opportunità e gestire in maniera ottimale l’esposizione di rischio.
Rispetto all’indice MSCI Emerging Markets, il fondo distribuisce molto più equamente l’esposizione al rischio-paese, permettendo agli Stati più piccoli di contribuire maggiormente alla performance”, ha commentato Mathie Nègre, aggiungendo che “l’obiettivo di questo approccio è, in primo luogo, ridurre il rischio-paese, che resta la fonte principale di rischio in un portafoglio azionario emergente”.
L’universo dei Mercati Emergenti è composto da più di 1000 titoli azionari e da 23 Paesi: per questo, è fondamentale identificare con attenzione quali nomi offrano il miglior potenziale di ritorni sul lungo periodo. Il fondo UBAM Global Emerging Equity impiegherà dunque un approccio combinato quantitativo/qualitativo per la selezione dei titoli, con lo screening quantitativo iniziale usato per ridurre l’universo investibile da 1000 a 180 titoli. Questi saranno poi soggetti a un’approfondita analisi qualitativa: i gestori sottoporranno ogni titolo a una valutazione basata su 29 parametri, che considerano un’ampia varietà di fattori fondamentali, tra cui la corporate governance, il modello di business e la strategia di crescita.
Nel quadro del processo di costruzione di portafoglio, il team di gestione potrà anche attingere alle capacità di investimento di altre divisioni di UBP, come per esempio quelle dei 25 specialisti sui Mercati Emergenti basati a Zurigo, Londra, Istanbul, Hong Kong, Taipei e Shanghai.
“Il fondo UBAM Global Emerging Equity arricchisce la gamma di strumenti focalizzati sui Mercati Emergenti e rafforza le competenze di UBP su questa classe di attivi”, ha sottolineato Mikael Lok, Co-CEO di UBP Asset Management, aggiungendo che “i Mercati Emergenti continuano a offrire un potenziale di crescita superiore, grazie ai vantaggi demografici e alla convergenza delle loro economie con i Mercati Sviluppati. Valutazioni più economiche delle monete e dei titoli azionari, così come i grandi sforzi in materia di riforme in alcuni mercati chiave, stanno gradualmente gettando le basi per una buona performance azionaria. Per questo, riteniamo che la miglior strada da percorrere per partecipare a questa crescita sia investire nelle società di successo di quest’area, applicando un processo di investimento disciplinato”.
Il fondo è registrato per la distribuzione in Belgio, Finlandia, Francia, Gibilterra, Italia, Lussemburgo, Spagna, Svezia, Svizzera e Regno Unito e è disponibile anche in Italia nelle classi retail (R) e istituzionale (I).