Utility: al via il Fondo per una transizione equa. All’Italia 400 mln di euro

La commissione Europea ha presentato il progetto per il Fondo per una transizione equa che dovrebbe contribuire a facilitare tra il 2021 e il 2027 il percorso verso la neutralità climatica entro il 2050. Il pacchetto complessivo è di 100 mld di euro, ripartito tra gli stati membri in base all’esposizione alle problematiche della transizione energetica.

All’Italia, nel dettaglio, sono destinati 400 mln di euro che potranno essere utilizzati per rimuovere o compensare, attraverso progetti infrastrutturali (da far approvare a Bruxelles) le conseguenze economiche negative in quei settori che più soffriranno gli effetti del cambiamento verso la neutralità ambientale.

L`ambito di intervento è potenzialmente molto vasto (recupero siti inquinati, riconversioni industriali, stranded costs ma anche formazione professionale, sviluppo reti, economia circolare).

“Anche se riteniamo che il fondo non avrà impatti diretti sulle utilities – avvertono gli analisti di Equita – riteniamo sia un contributo positivo che avrà invece effetti indiretti positivi su tutto il segmento delle utilities. Rimuovendo gli eventuali ostacoli economici alle transizioni, infatti, il fondo faciliterà significativamente l’accelerazione di progetti legati alla transizione energetica e alla circular economy”.

Nel settore utility per Equita oggi valgono un buy:

A2a con target price di 2 euro, Ascopiave con prezzo obiettivo di 4,50 euro, Erg con fair value di 21,40 euro e Iren con target di 3,15 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*