Utility, i rischi del nuovo dispacciamento secondo Equita

Con lo scopo di armonizzare il sistema Italiano ed Europeo e di gestire le nuove tecnologie disponibili (rinnovabili, batterie, reti virtuali, domanda aggregata, ricariche veicoli…), l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (Arera) ha pubblicato le linee guida del nuovo documento regolatorio sul “Dispacciamento”. Le linee, fanno notare da Equita, sono articolate su due direttive:

1. La ridefinizione dell Msd attuale. Con una maggiore separazione dei diversi mercati infragiornalieri (per migliorare le previsioni di offerta), il superamento del PUN (Prezzo Unico Nazionale) per una maggiore rilevanza dei prezzi di zona come riferimento anche per il dispacciamento, l`introduzione dei prezzi negativi dal 2021, il passaggio al SmP (prezzo marginale) rispetto al PaB (Pay as Bid) per il pricing sull’Msd e la revisione dei requisiti e dei fabbisogni di rete in modo da garantire l`accesso a tutte le tecnologie e tutti gli operatori.

2. L’Introduzione di nuovi servizi locali da parte delle aziende distributrici. Con l’obiettivo di rendere il Dispacciamento più efficiente anche i distributori parteciperanno come operatori dei servizi ancillary sia come facilitatori dell’approvigionamento, sia come gestori diretti di servizi a carattere locale.

Nel documento si trattano solo criteri generali (gli aspetti numerici verranno pubblicati successivamente). Dai criteri Equita riteniene si possa identificare:

Un rischio di riduzione della remunerazione sugli ancillary services (maggiore trasparenza dei mercati e apertura a tutti gli operatori e tecnologie consente un pricing più efficiente e competitivo).

Un rischio per tutti i power generators (thermo e renewables) nell’eventuale gestione dei prezzi negativi (in assenza di incentivo e di contratti PPA).

Una potenziale opportunità per i distributori nella gestione di servizi aggiuntivi.

I titoli maggiormente esposti al settore Power Gen (incluso l’Msd) sono, secondo gli analisti di Equita: Enel, A2a, Iren, Falck Renewable, Erg, Iniziative Bresciane e Alerion.

Commenta per primo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà mostrato.


*